Recensione testo di Deep Anarky di Francesco Gazzè Tour Music Fest 2017


Questa è la recensione che Francesco Gazzè, autore di molte delle canzoni di Max Gazzè e di tanti altri autori, ha stilato per il testo di Deep Anarky in occasione del Tour Music Fest 2017 ( decima edizione )

‘Testo in lingua inglese senza traduzione, dalle soluzioni fonetiche interessanti, ricco di slogan pungenti e con qualche immagine poetica degna di nota.

Struttura alquanto inusuale ma fruibile.’

Ecco la Valutazione in trentesimi

LINGUAGGIO

ORIGINALITÀ:26
POTENZIALITÀ:26

SCRITTURA

METRICA/TECNICA:27
STRUTTURA:27

 

Deep Anarky: non la conoscenza ma l’amore per la conoscenza cambia il mondo con la sua forza anarchica e rivoluzionaria

La conoscenza cambia il mondo ma non la conoscenza da sola, bensì l’amore per la conoscenza, la vera filosofia, come diceva il grande medico Santo Moscati ‘non la scienza cambia il mondo ma l’amore’. Anche Rimbaud in un verso de Una stagione all’inferno sostiene che ‘L’amour divin soul octroie le clef de la science’ ovvero ‘L’amore divino solo dà la chiave della conoscenza’. La vera scienza, la vera conoscenza innova il mondo perché si alimenta di amore, l’unica vera forza del cambiamento. La scienza e le tecnologie possono creare apparati tecnocratici e strutture coercitive che traducono in cose nuove cose che rimangono pur sempre vecchie e antichissime. Può capitare che le più nuove invenzioni della scienza e della tecnologia rifeudalizzano il mondo sotto l’apparenza dell’innovazione. La scienza e la tecnologia sono strutturazione fisica del pensiero, ma bisogna chiedersi quale pensiero sottende una vera innovazione. Quando le innovazioni della scienza sono generate dal pensiero che vuole emancipare l’umanità e non vuole invece schiavizzarla e sfruttarla, quando è la forza rivoluzionaria dell’amore il motore propulsore della ricerca scientifica, allora l’effetto, il frutto di tali innovazioni sarà proprio l’emancipazione e la liberazione dell’umanità, e non certo una sfavillante oppressione, una smagliante schiavizzazione e alienazione. Spesso le creazioni dal più alto potenziale liberatorio sono represse e deformate dagli interessi del potere, dalla coercizione del mercato e del denaro che degrada le innovazioni stesse e il mondo che le usa deturpandone la primaria tensione d’amore che le ha ispirate. Bisogna sapere pensare per strutturare fisicamente il pensiero nel mondo attraverso la tecnologia e la scienza. Il pensiero può creare cose veramente belle solo se pensa l’amore, perché come diceva Sant’Agostino solo ‘la carità è la bellezza dell’anima’ ed è “la bellezza che salverà il mondo” affermava Hegel. Affinché la conoscenza, la scienza e la tecnologia si connettano alla bellezza e al vero cambiamento che emancipa l’umanità, esse devono essere connesse all’amore che lega l’uomo con il creato e con il Creatore. Così la conoscenza, la scienza e la tecnologia saranno al servizio dell’umanità e non l’umanità rifeudalizzata al loro servizio. Solo l’amore abbatte ogni sistema oppressivo e apre le porte al futuro e ad un avvenire di liberazione per l’umanità. Deep anarky, Questa è la profonda anarchia dell’amore.  https://fb.com/overblastmusic click like

Deep Anarky across Europe-There won’t be any order love can’t break

La canzone Deep Anarky è una canzone in inglese intrisa di cultura rock, DNA musica leggera italiana e filosofia, ho infatti aggiunto alcune note filosofiche  alla canzone che integro per aiutarne la comprensione. Si tratta di un percorso alchemico che va dalla pienezza dell’infelicità, ovvero dalla “dannazione” (c’è un riferimento alla maledizione degli uccelli di Hitchcock), sino alla completa gioia e speranza passando per l’esperienza dell’amore. Come dice il testo, infatti, non c’è alcun ordine iniquo, alcuna situazione negativa che l’amore non possa sovvertire.
Il testo è una sorta di preghiera di invocazione all’amore che muti l’oscurità dei nostri cieli e salvi il nostro futuro, i nostri occhi, la nostra capacità di vedere il domani regalandoci l’azzurro della libertà. Una particolare attenzione è rivolta all’Europa, territorio pieno di contraddizioni, di sprechi e di miseria, di crisi e di eserciti mai così distruttivi, di mancanza di natalità e l’inadeguatezza di soluzioni rispetto al problema delle ondate migratorie, di disoccupazione e di sfiducia nel futuro. L’amore nella canzone è messo in gioco tra l’anarchia e l’armonia, per una buona comprensione spiego il concetto in questo articolo tratto da mio blog: “Deep Anarky, la forza rivoluzionaria dell’amore che rovescia ogni potere iniquo e sottende l’armonia universale”

https://makeblend.rocks/2017/06/10/deep-anarky-la-forza-rivoluzionaria-dellamore-che-rovescia-ogni-potere-iniquo-e-sottende-larmonia-universale/

Non ci sarà mai alcun ordine iniquo, alcuna situazione negativa che l’amore non possa sovvertire, Leggi l’articolo, se ti piace il testo della canzone vai sulla pagina https://fb.com/overblastmusic e lascia un mi piace

Deep Anarky, la forza rivoluzionaria dell’amore che rovescia ogni potere iniquo e sottende l’armonia universale

(tratto da makeblend.rocks  sulla canzone di Overblast Music // Deep Anarky // Across Europe )

(tratto da Overblast.rocks  sulla canzone di Overblast Music // Deep Anarky // Across Europe ) L’amore è anarchia non ordine. Dove c’è ordine non è detto che ci sia spazio per l’amore, l’amore non è possibile senza la libertà, nasce nella libertà, si nutre di libertà, dove c’è costrizione, coercizione non ci può essere vero amore. L’ordine può configurarsi in modo restrittivo, repressivo, inibitorio della libertà e di conseguenza anche dell’amore. Nell’anarchia non c’è un potere che domina su tutto, ma ci può essere l’amore, perché l’amore è sempre assoluto, cioè slegato da ogni cosa, da ogni potere. L’ordine presuppone sempre un potere che tiene in piedi la configurazione prestabilita e ciò va in conflitto con la natura assoluta, incondizionata dell’amore. La chiave per comprendere l’amore è il concetto di armonia in contrasto col concetto di ordine. L’ordine è una qualsiasi configurazione statica coercitiva che può essere basata sulla sopraffazione, sul dominio sul più debole, sul conflitto o sulla pax mafiosa e il terrore. L’ordine può essere quanto di più lontano dall’armonia. Mentre invece l’armonia può benissimo essere sottesa all’anarchia, in quanto l’assenza di potere non impedisce l’armonia e la fusione sapiente di tutti gli elementi in una configurazione d’amore. A differenza dell’ordine in cui ciò che domina è il potere che prevale sull’amore, l’armonia sottende sempre all’amore e l’amore si fonda sempre sull’armonia. Il bene è armonioso, non ordinato, in quanto l’armonia è sempre bene, perché è la composizione perfetta di tutti gli elementi, senza che alcuno ne soffra, mentre l’ordine non è detto che sia buono, bello e giusto. Dio è il bene supremo, l’armonia universale, l’anarchia in cui non governa alcun potere ma solo l’amore con la sua onnipotenza. Dio è armonia, Dio è musica, matematica dell’anima, sistema dell’amore. Tutto è possibile all’amore, come tutto è possibile attraverso la matematica e attraverso la musica. E la matematica e la musica sono scienze dell’infinito, come l’amore.
L’amore è l’unica vera forza rivoluzionaria, infatti il vero rivoluzionario agisce solo per amore. Non conosce il proprio interesse, ogni sua azione, ogni sua intenzione è un atto gratuito il cui unico fine è l’amore. Se il rivoluzionario agisse per un interesse particolare, dimostrerebbe di appartenere al sistema degli interessi particolari, in cui vince sempre l’interesse del più forte. Se pur difendesse l’interesse del più debole, la sua azione approverebbe la legge dell’interesse particolare che regola il sistema. In un sistema di interessi vincono sempre gli interessi del più forte, e anche chi lotta per interessi minoritari e contrastanti, fa il gioco del più forte, perché aderisce al sistema degli interessi, in cui i rapporti di forza fanno alla fine prevalere gli interessi dei più forti. Per rovesciare veramente il sistema integrato degli interessi particolari, bisogna cambiare logica, sovvertire il pensiero e l’azione e agire per l’emancipazione di tutti, per la liberazione sia degli oppressi che degli oppressori, sia dei torturati che dei torturatori, sia dei rapinatori che dei rapinati, sia degli ingannati che degli ingannatori, per l’emancipazione e la liberazione dell’umanità intera e non per la mera sostituzione di una élite dominante con un’altra. Solo il pensiero e l’azione liberi possono essere veramente rivoluzionari. Perché il pensiero sia libero e l’azione sia libera, sia il pensiero che l’azione devono essere liberati da ogni vincolo di interesse e da ogni sottomissione ad alcun secondo fine. Solo il pensiero e l’azione il cui unico fine è l’amore, sono pensiero libero e azione libera, in quanto sciolti da ogni cosa, completamente indipendenti e assoluti come l’amore. La canzone Deep anarky è una preghiera di pace e un inno all’amore, evocato dall’idea dell’anarchia intesa come armonia dove non esiste alcun potere tranne l’amore che sia tutto in tutti. (tratto da makeblend.rocks  sulla canzone di Overblast Music // Deep Anarky // Across Europe )

Non ci sarà mai alcun ordine iniquo, alcuna situazione negativa che l’amore non possa sovvertire, Leggi l’articolo, se ti piace il testo della canzone vai sulla pagina https://fb.com/overblastmusic e lascia un mi piace

Farfalle nell’abisso è la raccolta delle mie prime poesie, quelle che ho scritto durante l’adolescenza dai 14 ai 18 anni

Farfalle nell’abisso è la raccolta delle mie prime poesie, quelle che ho scritto durante l’adolescenza dai 14 ai 18 anni, quando tutto era al di sotto della mia coscienza e la mia mente si apriva a un momento di risveglio. Tale caratteristica permette la similitudine con il momento storico che stiamo vivendo. La raccolta ha una sua struttura narrativa, non è una raccolta secondo criterio cronologico.
La prima poesia è l’annuncio dell’evento del risveglio in abisso

L’ultima sezione è intitolata Risvegli d’abisso

In mezzo c’è un Flashback con cui viene rivisitato l’Abisso scandagliandone gli aspetti differenti della memoria, del sonno, del mare, del dolore, fino all’esito ultimo del risveglio. Il mio ‘abisso’ si riferisce a un sistema circolare in cui viene rinnovata continuamente la violenza in tutte le sue declinazioni e la sofferenza che ne deriva.

Continue reading →

La musica elettronica è come la poesia

La musica elettronica è come la poesia, una volta che è completa non si possono cambiare le parole o il loro ordine, né usare sinonimi o variare l’ortografia. Così è anche la musica elettronica dov’è ogni suono è modellato e programmato e segue una sequenza in cui ogni minimo step è insostituibile con un altro. Il jazz è improvvisazione, imprevisto vitale, sorpresa e la musica elettronica nasce come il jazz nel disordine e nel caos per strutturarsi in una forma stabile. Similmente a ciò che ha portato alla creazione dell’equilibrio sublime del Partenone e dei templi, che nascono tra le guerre per diventare perfetti, per dare una tregua al caos, per dare eternità alla disperata mutevolezza di tutte le cose. Così la musica elettronica può essere poesia, linguaggio universale, scrittura sulla pietra, scultura indelebile nell’aria.
Sia la musica Dionisiaca e anche se scaturita dal disordine dei sensi piu totale, come Rimbaud nell’ebbrezza infinita dell’amore e del dolore, trovi il suo ordine perfetto, il suo ritmo interno coercitivo e inamovibile, il suo disegno sapiente, la sua successione inalterabile, la sua vocazione all’eternità.

Perchè parlo di #EUEXITMUSIC & #EUEXITGAME?

EUEXITMUSIC & #EUEXITGAME significa musica e giochi che cambiano il mondo. Penso che viviamo in un mondo Orwelliano dove la realtà è tutta il contrario di come noi la percepiamo. Le porte dell’informazione, della conoscenza e della percezione sono corrotte e alterate. I media sono al soldo del potere finanziario, della CIA e della massoneria. Perciò la gente crede a tutte le menzogne che vengono distribuite sistematicamente dall’establishment, che sa come manipolare le coscienze e la percezione deformata della nostra mente. Bisogna uscire da questo carcere che imprigiona le menti e le anime dell’uomo contemporaneo. Come dicevano i Doors che hanno preso il nome dai versi di William Blake, “se le porte della percezione venissero purificate, tutto all’uomo apparirebbe come realmente è: infinito”.
La libertà della coscienza e dell’individuo è impossibile se mancano le libertà politiche, tanto più se i popoli non percepiscono più la mancanza delle libertà politiche, dei diritti sociali, della democrazia come mancanza.

L’Unione Europea è il sistema di potere che Continue reading →